Monitoraggio della pressione arteriosa




Monitoraggio della pressione arteriosa

L’ipertensione arteriosa è uno dei fattori di rischio maggiori per l’ictus cerebrale, l’insufficienza renale, l’infarto e lo scompenso cardiaco.

Spesso non causa sintomi, ma si manifesta solo con una pressione arteriosa, a riposo, superiore o uguale a 140 di massima e/o a 90 di minima. A causa della reazione emotiva, a volte la pressione arteriosa è alta solo se è il medico o l’infermiera a rilevarla, mentre è normale se misurata dal paziente stesso: sii parla infatti di “ipertensione da camice bianco”. In questo caso è consigliabile il monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa nelle 24 ore: un bracciale collegato a un registratore si gonfia e rileva periodicamente la pressione arteriosa, ad esempio ogni 15 minuti, mentre il paziente svolge le sue normali attività quotidiane. Con questo esame, innocuo e indolore, si valuta anche l’andamento pressorio notturno.

Chi Sono





CHI SONO

Dalla medicina, alla cardiologia per approdare alla medicina funzionale

Voglio presentarmi con tre dei miei motti.
 
Più cose conosci e più rischi di curare bene i tuoi pazienti
Non perdere mai l'occasione per dare una buona notizia e tranquillizzare chi ha bisogno di te
Considera ogni paziente come fosse un tuo genitore, un tuo fratello o sorella, un tuo figlio 
 




Il mio Libro





100 anni da giovane

Il benessere a tutto tondo, del corpo e dello spirito, è stato il mio maggiore interesse dal momento della laurea in medicina e chirurgia e della specializzazione in cardiologia. 





Iscriviti alla mia newsletter


Dichiaro di aver letto la Privacy Policy e acconsento
al trattamento dei miei dati personali per l'invio di comunicazioni informative e promozionali

clicca qui per leggere le condizioni aggiornate della privacy